Siamo un Istituto religioso femminile di diritto pontificio fondato nel 1856 a Parigi da Eugénie Smet.

Oggi, a 160 anni dalla fondazione, siamo circa 550 Ausiliatrici in 24 paesi in 4 continenti.

La missione affidataci è molto diversificata:
cerchiamo di rispondere in modo creativo ai bisogni della Chiesa e delle società in cui ci troviamo.

In particolare, vogliamo essere attente a tutti coloro che “vivono situazioni di passaggio” o sono “i più abbandonati di questo mondo e dell’altro”.

In concreto, siamo impegnate nell’accompagnamento umano e spirituale, nella formazione e nella catechesi, nell’accoglienza degli immigrati e delle minoranze, nei movimenti di promozione della donna e della lotta alle ingiustizie.

Siamo presenti nelle Caritas e nelle carceri, ci impegnamo nello studio della teologia, nelle visite alle famiglie e nella pastorale giovanile, nella condivisione della vita con i poveri e gli indigenti e nell’accoglienza nelle nostre case. In realtà non è possibile fare un elenco esaustivo di tutti i nostri diversi campi di missione.

Si può riassumere lo spirito che li anima tutti con una frase di Maria della Provvidenza, nostra fondatrice, che invitava le prime suore

“ad andare verso ogni bene, qualunque esso sia”.