Skip to content

suoreausiliatrici

PDF Print option in slimbox / lytebox? (info) E-mail
IL NOSTRO IMPEGNO NEL SOCIALE

 
Con la nostra azione raggiungiamo varie povertà e difficoltà, vari gruppi di persone dai senza dimora, agli stranieri/e, ai Rom, al carcere, alla povertà economica…

COSA CONTRADDISTINGUE LA NOSTRA AZIONE?

Nelle nostre costituzioni:

Nell’orientare le nostre scelte diamo la priorità a coloro che vengono dimenticati, che sono feriti nella loro dignità umana, che hanno più bisogno di un annuncio del Vangelo…Non dobbiamo temere di raggiungere le situazioni limite in cui il servizio dell’uomo e della Parola di Dio  rende legittimi i rischi che si corrono…” (art. 29 e 30)

“L’impegno cristiano per la giustizia e la partecipazione alla trasformazione del mondo  fanno parte della predicazione del Vangelo. La ricerca della giustizia è anzitutto una preoccupazione costante, un atteggiamento che penetra la nostra vita e la nostra azione, e ci richiede di conoscere seriamente la realtà e di leggerla alla luce della fede. Rimanendo indipendenti da ogni ideologia e politica di partito, cooperiamo con tutti coloro che costruiscono una società più degna dell’uomo” (art. 26)

Image

Sr Margherita all'ingresso del carcere

 

Image

sr Giuse e un gruppo di Rom
Image
sr Claudia durante la festa di inaugurazione di una cappellina in un campo Rom

L’attenzione alla povertà della singola persona e  alla collettività.

Nel lavorare con i singoli si esprime vicinanza, condivisione, competenza, affetto…si mostra il volto di un Dio vicino, prossimo interessato alle vicende di quella persona lì, una tra miliardi di persone come d’altra parte è ciascuna di noi, una tra miliardi e tuttavia ugualmente importante.

Nel lavorare a livello più ampio, a livello collettivo, prevale la difesa dei diritti all’assistenza (cura, reddito…), all’esistenza (permessi di soggiorno…),alla casa, al lavoro…

Prevale garantire alcune opportunità alle persone che sono in difficoltà, ma anche aiutare la comunità ecclesiale e civile a riconoscere l’altro, gli altri, il bisogno di un benessere per tutti, a partire dai piccoli, come diceva Mons. Nervo “se io garantisco il benessere ai più poveri lo garantisco a tutti…” questo significa anche “non dare per carità quello che spetta per giustizia”.

La “formazione” riveste una particolare importanza nel nostro impegno, che sia la formazione dei volontari o degli operatori nei vari ambiti, che la formazione delle persone stesse, per esempio il corso di educazione domestica e di cucito …

Lavoriamo con altri, tutte facciamo riferimento ad organismi e associazioni…ed è necessaria una certa competenza e aggiornamento continuo


 

La promozione delle persone

Lavorare perché le persone si prendano in mano… e partecipino attivamente, assistenza, cura, ma non assistenzialismo, dipendenza.

Il nostro punto di riferimento è l’icona del samaritano:

  • “lo vide” → la nostra attenzione ai più poveri, non passare oltre.
  • “gli curò le ferite” → l’azione concreta nei confronti delle persone e della collettività.
  • “lo portò nell’albergo e lo affidò all’albergatore” → non lavorare da sole.
  • “lasciò due denari” → prevedere un futuro.
Image
Icona del Buon Samaritano
( Chiesa di S. Egidio - Roma)

Alcune realtà dove collaboriamo e lavoriamo:




Last Updated on Sunday, 13 March 2016 17:17